IMPOSTE E TASSE


Il prezzo del gas è incrementato dalle accise e dall'Iva di Legge. L'accisa concorre a formare la base imponibile Iva.

USO CIVILE *

Scaglioni progressivi per anno solare (senza distinzione per Tipo Uso) m³/anno

Imposta di consumo €/m³

Iva normale

Iva Ridotta ***

-

120

0,0440000

10%

10%

121

480

0,1750000

10%

10%

481

1.560

0,1700000

22%

10%

1.560

oltre

0,1860000

22%

10%

Servizi accessori. Quota fissa distribuzione. Quota vendita al dettaglio (QVD) fissa della tariffa

22%

USO INDUSTRIALE **

Tipo Uso

Imposta di consumo ridotta €/m³

Iva normale

Iva Ridotta ***

usi industriali e artigianali

0,0124980

22%

10%

Servizi accessori. Quota fissa distribuzione.Quota vendita al dettaglio (QVD) fissa della tariffa

22%

* USO CIVILE(D.Lgs. 26/10/1995 nr. 504 - Art. 26 - punto 2, così come modificato da D.Lgs. 02/02/2007 nr. 26):

2. Sono considerati compresi negli usi civili anche gli impieghi del gas naturale, destinato alla combustione, nei locali delle imprese industriali, artigiane e agricole, posti fuori dagli stabilimenti, dai laboratori e dalle aziende dove viene svolta l'attività produttiva, nonché alla produzione di acqua calda, di altri vettori termici o di calore, non utilizzati in impieghi produttivi dell'impresa, ma ceduti a terzi per usi civili.”

** USO INDUSTRIALE (D.Lgs. 26/10/1995 nr. 504 - Art. 26 - punti 3 e 4, così come modificato da D.Lgs. 02/02/2007 nr. 26):

3. Sono considerati compresi negli usi industriali gli impieghi del gas naturale, destinato alla combustione, in tutte le attività industriali produttive di beni e servizi e nelle attività artigianali ed agricole, nonché gli impieghi nel settore alberghiero, nel settore della distribuzione commerciale, negli esercizi di ristorazione, negli impianti sportivi adibiti esclusivamente ad attività dilettantistiche e gestiti senza fini di lucro, nel teleriscaldamento alimentato da impianti di cogenerazione che abbiano le caratteristiche tecniche indicate nella lettera b) del comma 2 dell'articolo 11 della legge 9 gennaio 1991, n. 10, anche se riforniscono utenze civili. Si considerano, altresì, compresi negli usi industriali, anche quando non è previsto lo scopo di lucro, gli impieghi del gas naturale, destinato alla combustione, nelle attività ricettive svolte da istituzioni finalizzate all'assistenza dei disabili, degli orfani, degli anziani e degli indigenti.”

4. Sono assoggettati all'aliquota relativa al gas naturale impiegato per combustione per usi industriali i consumi di gas naturale impiegato negli stabilimenti di produzione anche se nei medesimi vengono introdotte e depositate merci provenienti da altri stabilimenti, purchè di società controllate o di società collegate con quella titolare della concessione ai sensi dell'articolo 2359 del codice civile, nonchè i consumi relativi ad operazioni connesse con l'attività industriale.”

*** IVA RIDOTTA (D.P.R. 26/10/1972 nr. 633 - TABELLA “A” - Parte Terza - punto 103 - Art. 1 D.L. 19/12/1984 nr. 853 e successive modificazioni)

103) [...] gas per uso di imprese estrattive, agricole e manifatturiere comprese le imprese poligrafiche, editoriali e simili; [...]; gas, gas metano e gas petroliferi liquefatti, destinati ad essere immessi direttamente nelle tubazioni delle reti di distribuzione per essere successivamente erogati, ovvero destinati ad imprese che li impiegano per la produzione di energia elettrica;”